← Indietro

Le Crete Senesi

Un dolce ondeggiare tra morbide colline e borghi medievali

Le Crete Senesi

Le Crete Senesi racchiudono gli aspetti più emblematici della terra di Toscana. Uno scenario dominato da dolci coline, vigneti che coprono la terra e lunghi filari di cipressi che disegnano il paesaggio arricchito da piccoli borghi e città d'arte.

La città dell'arte e del palio

Prima tappa? Ovviamente Siena. Il Duomo e Santa Maria della Scala svettano su questa città che conserva nei suoi musei capolavori di Simone Martini, Jacopo della Quercia, Duccio da Buoninsegna e Pinturicchio.

Strade, piazze, palazzi rievocano il suo secolare splendore e convergono verso Piazza del Campo, cuore pulsante di Siena e teatro del famoso palio che si tiene due volte all'anno (2 luglio e 16 agosto).

Qui inizia il viaggio

Alle porte della città comincia lo spettacolo delle Crete Senesi. Cinquecento chilometri quadrati di campagna e di terra color ocra utilizzato dai maestri del Rinascimento per creare la tonalità "Terra di Siena".
Tra i primi paesi che si incontrano c'è Asciano, un borgo protetto da una cinta muraria del trecento all'interno della quale si può visitare il Museo dell'Arte Sacra.

Ad Asciano è conservato il capolavoro di Ambrogio Lorenzetti, il dipinto del "San Michele che uccide il Drago".

Il sacro nelle Crete Senesi

Poco oltre, filari di cipressi sembrano proteggere l'Abbazia di Monte Oliveto Maggiore, un complesso monastico benedettino in cui permane la cultura artistica del Rinascimento.
Una deviazione è d'obbligo per visitare l'Abbazia di San Galgano con le sue colonne che si ergono maestose sul prato che ha sostituito la pavimentazione. Nell'adiacente Chiesetta di San Galgano ci sono importanti affreschi del Lorenzetti.

Piccolomini nacque qui

In breve tempo si raggiunge Pienza. La città, capolavoro artistico e urbanistico, fu realizzata per volere di Papa Pio II (Silvio Enea Piccolomini) dall'architetto Bernardo Rossellino. Dalle pittoresche stradine di Via dell'Amore e Via del Bacio si può ammirare il panorama che si estende sulla Val d'Orcia.

Distese di vigneti accompagnano la strada che giunge a Montalcino. Questa cittadina medievale è divenuta famosa per la produzione di uno dei più pregiati vini al mondo: il Brunello di Montalcino.

La grande vasca della Toscana

Oltrepassata la valle si trova Bagno Vignoni. Città termale conosciuta fin dall'antichità, era frequentata anche da Lorenzo il Magnifico e Santa Caterina. Una grande vasca, alimentata da sorgenti di acqua calda, occupa il centro di Bagno Vignoni. Qui è stata girata una delle scene più suggestive del film "Nostalgia" di Andrej Tarkovsy.

Terra di boschi e arte rinascimentale

Le colline delle Crete Senesi cedono il posto ai boschi di castagni. Siamo nella zona dell'Amiata: tra questi boschi sorgono Radicofani, Santa Fiora e Abbadia San Salvadore.
Aggirando il monte Amiata e muovendosi in direzione di Bolsena appare il profilo di Pitigliano, arroccato su uno sperone tufaceo e arricchito con monumenti rinascimentali inseriti nel suo originario impianto medievale.

Itinerari

Località principali

Hotel nelle vicinanze

0 m

Barbialla Nuova

Montaione

0 m

Hotel Palazzo del Capitano Wellness & Relais

San Quirico d'Orcia

A partire da € 66,00

0 m

Antica Casa i Sucinelli

Serre di Rapolano

0 m

Casale della Torre

Cortona

0 m

Hotel Palazzo San Niccolò

Radda In Chianti

A partire da € 78,00

0 m

Borgo Stomennano

Monteriggioni

0 m

Villa Cicolina

Montepulciano

0 m

Borgo Lucignanello

San Giovanni d'Asso

A partire da € 109,65

Altri link utili
Toscana
Siena Hotels
Val D'Orcia Hotels
Bagno Vignoni Hotels
Montepulciano Hotels
Montalcino Hotels
Toscana (tutti gli hotel)