← Indietro

Borghi della Carnia

Paesi e villagi del Friuli che hanno saputo ricostruire la loro bellezza.

Borghi della Carnia

Un viaggio alla scoperta di un territorio ferito, ma che ha saputo rialzarsi e tornare al suo splendore originario dopo il terremoto del 1976. L'esplorazione della Carnia comincia da Gemona dove le sue chiese e i palazzi aristocratici del centro storico sono la testimonianza della sua recuperata bellezza.

Il Duomo di Santa Maria Assunta è il gioiello più prezioso, esempio di commistione splendidamente riuscita fra stile gotico e romanico. All'interno si possono notare le ferite del terremoto, nelle colonne in marmo rosa inclinate e nel Crocefisso ligneo quattrocentesco, che porta i segni di quando venne estratto dalle macerie.

Il cuore di Gemona

Via Bini è un susseguirsi di palazzi dalle facciate affrescate. Fra questi c'è Palazzo Elti, che ospita oggi il Museo Civico: una collezione che va dai reperti archeologici ai capolavori recuperati dalle chiese del territorio distrutte dal sisma.

Sulla stessa via, nella quattrocentesca Casa Gurisatti è ospitata la Cineteca del Friuli, un'originale collezione di film, documentari e cinegiornali.

Non lontani si trovano il Castello dell'anno Mille e il Palazzo Comunale che custodisce reperti di epoca romana incastonati nella loggia. Distrutto dal sisma e ricostruito in chiave moderna, il Santuario di Sant'Antonio è il più antico luogo di culto dedicato al santo.

I tesori gotici della Carnia

La tappa successiva è Venzone. Il Palazzo Comunale è uno esempio di architettura gotica fiorita veneziana, arricchito da stemmi nobiliari. Di notevole interesse è anche il Palazzo Orgnani-Martina, che vanta un portale cinquecentesco e un parapetto in ferro battuto. Entrambi i palazzi subirono notevoli danni, ma sono tornati com'erano. Più fortunato è stato il Duomo di Sant'Andrea, tesoro romanico-gotico dove si sono salvati gli affreschi originali.

Arte e natura

Da visitare assolutamente Tolmezzo, con il suo nucleo storico dalle strade porticate e gli antichi edifici, nobili e religiosi. Fra questi il Duomo di San Martino, cominciato nel Settecento e terminato due secoli dopo. All'interno conserva opere di scuola veneziana ed è notevole la Cupola affrescata da Antonio Schiavi.

C'è anche il Museo carnico delle arti e tradizioni popolari, che ripercorre la vita contadina, come gli attrezzi del falegname o gli arnesi per la tessitura e il ricamo.

Bastano pochi chilometri per trovarsi in un autentico paradiso naturale: il Lago di Cavazzo Carnico, perfetto per escursioni in trekking e mountain bike.

Ancora una tappa

Alla fine viaggio troviamo Sauris, un pittoresco borgo montano famoso soprattutto per il prelibato prosciutto che produce. Il borgo si divide in due: Sauris di Sopra e Sauris di Sotto e nella zona superiore si trova il Santuario di Sant'Osvaldo, dove spicca una tavola di Nicolò di Brunico in stile tardo-gotico.

Itinerari

Località principali

Hotel nelle vicinanze

0 m

Albergo Al Vecchio Tram

Udine

A partire da € 77,00

0 m

Stop & Sleep

Udine

0 m

Hotel Clocchiatti Next

Udine

A partire da € 69,00

0 m

Cristallo Hotel & Spa

Cortina d'Ampezzo

A partire da € 272,00

0 m

Hotel Ancora

Cortina d'Ampezzo

A partire da € 160,00

0 m

Hotel Edelhof

Tarvisio

A partire da € 70,00

Altri link utili
Friuli Venezia Giulia
Carnia Hotels
Venzone Hotels
Forni di Sopra Hotels
Gemona del Friuli Hotels
Friuli Venezia Giulia (tutti gli hotel)